Per le Imprese

“Uomini e donne che vogliono tornare a casa, ma che spesso a casa non sono aspettati.” La memoria dell’ex ospedale psichiatrico civile di Arezzo

Arezzo e provincia

da giugno 2018 a luglio 2019

ENTE PROMOTORE
UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI SIENA - DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE, SCIENZE UMANE E DELLA COMUNICAZIONE INTERCULTURALE

TEMA DEL PROGETTO

Il Docu-web proposto è un prodotto didattico multimediale ibrido e interattivo  riguardante la memoria dell’ex ospedale psichiatrico civile di Arezzo “il Pionta”.

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

Pensato per una fruizione didattica su internet, libera e gratuita, il Docu-web proposto offre un percorso tematico fondato e giustificato sul piano progettuale e metodologico utile per comprendere la storia di questa istituzione manicomiale (e del suo Archivio), chi la ha abitata, gli spazi che la componevano, nonché per offrire un’occasione di riflessione intorno ai modelli di medicina e di formazione alle cure (del ‘900 come quelli attuali), con particolare attenzione alle antropologie del corpo e all’esperienza della malattia mentale. In particolare, esso si configura come:

1.un archivio testimoniale di fonti scritte, orali, visuali, di quanti hanno gravitato intorno all’ex manicomio aretino (medici, pazienti, infermieri, volontari, assistenti sociali, operai, ecc.) e che ne hanno scandito la quotidianità (a)normale;
2.uno strumento didattico attraverso cui gli studenti, gli operatori del settore, la comunità civile, si propongono di conoscere ed esplorare:

  • il rapporto fra pazzia e internamento manicomiale, approfondendo gli sviluppi e le trasformazioni del sapere psichiatrico aretino e i nessi che ha istituito con i contesti sociali, giuridici, educativi e culturali in cui è intervenuto; il patrimonio di saperi e di pratiche inerenti alla salute e alla malattia mentale che hanno costellato la lunga fase di de-istituzionalizzazione dell’ex ospedale neuropsichiatrico di Arezzo; il patrimonio documentario e librario conservato nell’Archivio dell’ex ospedale psichiatrico, rendendolo così consultabile anche da quanti sono portatori di abilità diverse;

3. un luogo di formazione “irtuale” per quanti si occupano - in primis studenti e operatori - dell’elaborazione socio-culturale ed educatia della “diversità”.

Dal punto di vista del contenuto, il Docu-web si articola in 4 livelli (Il Pionta; Le Divisioni e I Reparti; I Protagonisti; Le Pratiche di Cura e I Modelli Educativi), tra loro interdipendenti ed implementabili anche grazie all’apporto di altri Progetti che l’Ente promotore sta portando avanti sui temi indicati.

 

Attività di comunicazione e sinergie sul progetto

Sono previste attività di comunicazione in cui esporre il logo.

E' possibile valutare forme di integrazione del progetto nelle attività di comunicazione dell’impresa interessata.

E' possibile valutare sinergie sul progetto.

Dimensioni e tipologia di pubblico atteso

Circa 500 persone.

Importo richiesto per sponsorizzazione

32.000 Euro.

Sono previsti più sponsor.

Contatti

Carlo Orefice, professore Associato di Pedagogia Generale e Sociale
DSFUCI - Viale Cittadini 33, 52100 Arezzo
Tel. +39 0575 926274
cell. +39 366.1072490
carlo.orefice@unisi.it
https://www.dsfuci.unisi.it/it/dipartimento/docenti/carlo-orefice

Massimo Baioni, professore Associato di Storia Contemporanea
DSFUCI - Viale Cittadini 33, 52100 Arezzo
massimo.baioni@unisi.it
https://www.dsfuci.unisi.it/it/dipartimento/docenti/massimo-baioni

Sebastiano Roberto, Ricercatore di Storia dell’Architettura
DSFUCI - Viale Cittadini 33, 52100 Arezzo
sebastiano.roberto@unisi.it
https://www.dsfuci.unisi.it/it/dipartimento/docenti/sebastiano-roberto